Naturopatia – Be Yoga Studio

Basata sulle scienze umane e naturali, la Naturopatia miscela la millenaria conoscenza dei trattamenti naturali con le attuali conoscenze nell'ambito salutistico.

La Naturopatia concepisce lo stato di salute in termini di qualità della vita e del raggiungimento di una condizione di benessere globale, sia fisiologico che emozionale e relazionale, che non è mai un punto d’arrivo, ma prevede un percorso.

CHI E’ IL NATUROPATA

Il Naturopata è una disciplina riconosciuta dalla l’OMS (organizzazione mondiale della sanità). E’ un complesso di metodologie, tecniche e pratiche per promuovere la salute e la buona qualità della vita personale, professionale e relazionale.

COSA FA?

Si prefigge l’obbiettivo  di riequilibrare il sistema psico-fisico / emozionale e di stimolare le capacità innate dell’ essere umano  di autoguarigione, autoregolazione e autodifesa. Basata sulle scienze umane e naturali , la naturopatia  miscela la millenaria conoscenza dei trattamenti naturali con le attuali conoscenze nell’ambito salutistico.

COME?

Attraverso una prima consulenza avviene un colloquio che dura circa un ora e mezzo, il quale permette di instaurare un rapporto di fiducia e di empatia con il cliente lasciandogli esprimere la sua richiesta di aiuto, il suo disagio e i sintomi correlati.

Questo tempo e spazio dedicato permette di ricavare un ritratto globale dello stato di salute della persona. Al termine della consulenza il naturopata decide il percorso più adatto, personalizzato in base alla necessità del momento, utilizzando trattamenti e metodiche specifiche per promuovere il riequilibrio e potenziamento delle risorse fisiche, psichiche ed emozionali. I trattamenti utilizzati nel percorso sono:

Consigli pratici di:

I rimedi fitoterapici hanno dimostrato una particolare efficacia soprattutto in ambito preventivo e nella correzione dei disturbi funzionali, quando ancora non si è instaurato uno stato di tipo lesionale. L’uso di fitoderivati in naturopatia è concepito in modo globale, incentrato sull’individuo, e improntato sulle cause del sintomo, affinchè il preparato sia personalizzato. Fitoterapia e naturopatia rappresentano quindi un connubio dei più riusciti. In sinergia creano le condizioni ideali affinché l’organismo, qualora l’equilibrio venga temporaneamente a mancare, faccia ricorso al proprio potenziale di auto-guarigione e ritrovi un funzionamento armonico.

-Per ricevere al meglio l’azione medicamentosa della pianta nel proprio organismo è necessario creare l’ambiente ideale, ripristinando l’equilibrio del “terreno” (“mare nostrum” fisiologico), esso è l’insieme dei liquidi che permeano il corpo al suo interno.  Quando il Terreno è libero da tossine, blocchi e squilibri, l’individuo manifesta tutta la sua energia vitale e resiste alle aggressioni quotidiane.  La prevenzione e le strategie disintossicanti, in particolare il drenaggio, sono le “terapie” più importanti per mantenere o ripristinare l’omeostasi dell’organismo per intero. Le malattie infatti si manifestano sempre in caso di inquinamento dei fluidi e del conseguente danno cellulare. Prevenire la tossicosi significa considerare il Terreno come un sistema aperto e connesso con l’esterno.

-Cinque son le vie di uscita per riequilibrare il proprio terreno, eliminando la tossicosi: Fegato, Intestino, reni, pelle ed aria. Solo dopo un percorso disintossicante si consiglia e si usa la fitoterapia in modo più mirato, e sistemico riequilibrando le attività e funzioni di organi e visceri.

floriterapia: come dice la parola stessa, è un tipo di terapia olistica e biologica che si avvale di una serie di rimedi naturali preparati a partire dai fiori silvestri. Fiori di Bach, Australiani e Californiani, lavorano sul riequilibrio degli atteggiamenti emozionali negativi che favoriscono l’insorgere dei disturbi più vari, sia psicosomatici che fisici.

I rimedi floreali rilascerebbero nell’acqua, la loro “energia” o “memoria”, la quale entra in vibrazione con l’energia umana e sarebbe in grado di mutare l’emozione negativa nel suo tratto positivo, senza eliminarla, ma trasformandola, ovvero rendendo armonico e migliore il soggetto.

-Il meccanismo del loro funzionamento è legato a un’intuizione di Edward Bach (medico gallese 1886 – 1936, che ha avviato uno studio approfondito riguardante le proprietà curative dei fiori) il quale ha capito presto che la malattia non è solo una manifestazione, un disturbo isolato, ma una domanda che il corpo avanza e che lo spirito deve ascoltare, se non vuole rimanere intrappolato nel malessere.

– I rimedi floreali si presentano sotto forma liquida, distillati in boccette di vetro scuro, e, assunti per via orale, agiscono su corpo, mente ed emozioni umane, ma anche sulle proprietà vitali di animali e piante. Curarsi con la floriterapia ci spinge a conoscere meglio chi siamo nel profondo, senza farsi fagocitare dalle nostre emozioni,  grazie al linguaggio dei fiori.

Trattamenti manuali per riequilibrare le cause scatenanti che creano il sintomo di disagio fisico ed emotivo strettamente connessi fra di loro:

-tecniche corporee di bio-energetica

-reiky

-riflessologia plantare

-massaggio psicosomatico

-Tecniche di Shiatsu su lettino

-Moxa e coppettazione

I trattamenti sono su misura, durano circa un’ora ma i tempi di reazione sono assolutamente variabili da persona a persona, a dimostrazione dell’unicità dell’individuo.

LE TIPOLOGIE DI TRATTAMENTI

FITOTERAPIA

Fitoterapia, letteralmente significa “Curasi con le piante“. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ogni vegetale che contenga, in uno o più dei propri organi, sostanze farmacologicamente attive merita il nome di pianta medicinale. Quasi sempre le sostanze farmacologicamente attive presenti in una pianta medicinale sono molteplici. Questo insieme di sostanze, detto “fitocomplesso” determina le caratteristiche terapeutiche o preventive dominanti di quella pianta.

Come funziona?
I rimedi fitoterapici hanno dimostrato una particolare efficacia soprattutto in ambito preventivo e nella correzione dei disturbi funzionali, quando ancora non si è instaurato uno stato di tipo lesionale.

FLORITERAPIA

Che cosa tratta la Fitoterapia?
L’uso di fitoderivati in naturopatia è concepito in modo globale, incentrato sull’individuo, e improntato sulle cause del sintomo, affinché il preparato sia personalizzato all’interno del laboratorio galenico della farmacia la Marchionna. Fitoterapia e Naturopatia rappresentano quindi un connubio dei più riusciti. In sinergia creano le condizioni ideali affinché l’organismo, qualora l’equilibrio venga temporaneamente a mancare, faccia ricorso al proprio potenziale di auto-guarigione e ritrovi un funzionamento armonico. La Floriterapia, come dice la parola stessa, è un tipo di terapia olistica e biologica che si avvale di una serie di rimedi naturali preparati a partire dai fiori silvestri.

Come funziona?
L’essenza floreale, indicata dal Naturopata, dopo una accurata consulenza, lavora sul riequilibrio degli atteggiamenti emozionali negativi che favoriscono l’insorgere dei disturbi più vari, sia psicosomatici che fisici. Curarsi con la Floriterapia ci spinge a conoscere meglio chi siamo nel profondo.

La nascita della Floriterapia
Il medico gallese Edward Bach (1886 – 1936), intorno alla prima metà del ’900, ha avviato uno studio approfondito riguardante le proprietà curative dei fiori, terminato con una lista di 38 fiori curativi, scoperti grazie anche al paziente lavoro di documentazione portato avanti esaminando il patrimonio di antiche tradizioni mediche di diverse parti del mondo. Edward Bach fu davvero un medico particolare, con un occhio sempre rivolto al paziente e uno immerso nella natura. Attento osservatore dei fenomeni naturali, sensibile erborista, cercò con ostinazione un metodo di autoguarigione basato sui rimedi che la natura mette a disposizione dell’uomo. E lo trovò nei fiori. I rimedi floreali scoperti da Bach rilascerebbero nell’acqua, se opportunamente trattati, la loro “energia” o “memoria”, la quale entra in vibrazione con l’energia umana e sarebbe in grado di mutare l’emozione negativa nel suo tratto positivo, senza eliminarla, ma trasformandola, ovvero rendendo armonico e migliore il soggetto. Sono particolarmente indicati i fiori di Bach per i bambini, perché non danno effetti collaterali, non creano dipendenza. Anzi può ben dirsi che i bambini sono i migliori fruitori dei fiori di Bach perché non hanno preconcetti e reagiscono in maniera veloce e duratura.

La ricerca delle cause reali del problema, è alla base del mio metodo.

Counselor Salutistico

Barbara Parrini

Vuoi saperne di più sulla Naturopatia?

Scrivi una mail a info@beyoga-studio.com oppure contatta direttamente Barbara tramite telefono +39 347 4972547, mail info@barbaraparrini.it o utilizzando il form sottostante.

Se invece vuoi saperne di più sul nostro Counselor Salutistico, consulta la pagina dedicata a Barbara.